455
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-455,theme-stockholm/stockholm,stockholm-core-2.1,woocommerce-no-js,select-theme-ver-6.9,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_menu_,qode-single-product-thumbs-below,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive

COLLECTIONS

Collezione Gioielli oro donna

Collezioni diverse, una sola anima.
Differenti identità, costituiscono un insieme organico dove tutti gli elementi si coordinano e si scambiano: un universo di segni diversi che formano un linguaggio unico e riconoscibile.

9 o 18 carati, l’oro. Giallo, rosa o nero, i colori. I materiali esprimono delle potenzialità e simbologie specifiche, ogni colore ha un suo preciso significato: la preziosità della materia è declinata nella sua forma più precisa.

Gioielli nati dalla migliore sapienza artigianale italiana, punto di partenza di ogni creazione: collezioni libere da convenzioni dove ricerca, contaminazione artistica e design emergono come tratti distintivi.

Gioielli in oro giallo con catene

Il ritmo pulsante della cultura della notte, dall’Hip Hop al Punk, che affonda le sue radici nella Disco Music, la Salsa Cubana e l’atmosfera elettrica dei privé VIP, porta la collezione Club di Peruffo Jewelry sulla pista da ballo. La classica “groumette” o catena a maglia curva parte da qui, ma si libra molto più in alto delle sue basiche origini. Il marchio di fabbrica di Peruffo è la Stud che, in questa collezione, viene smussata, scolpita e interamente sublimata in micro e macro trattamenti per orecchini e raffinate chiusure di collane e bracciali, o impiegata come “texture” delle singole maglie delle catene. La Creative Director Marta Martino evoca le atmosfere esaltanti del clubbing in un flash d’oro a 18kt sulla pelle, sfavillante di sudore, in catene creative che si muovono a ritmo di musica, esprimendo “il senso spontaneo di divertimento, liberazione e libertà che ci aspetta”.

Immaginate le dita di un chitarrista che usi la tecnica slide, qualcuno come Muddy Waters, la cui mano “scivola” su e giù lungo le corde finché la chitarra non inizia a gemere. Il percorso per la creatività parte spesso da una metafora e la collezione Guitar di Peruffo, che traduce la tecnica musicale slide in gioiello, costruito attraverso un gioco di “nastri” in foggia di fili in oro 18kt che scivolano con un semplice tocco.

“Punto linea superficie”, testo radicale di Kandinsky, riassume le fondamenta della collezione Studs per la quale l’elemento funzionale della piccola borchia piramidale diviene essenza unica. La funzione si fa estetica: la chiusura diventa entità centrale ribadita infinitamente tanto da essere il gioiello stesso. La ripetizione ossessiva della piramide, archetipo e perfetta forma geometrica che è l’insieme di linee ma anche successione di punti (apici), in oro giallo e agata dal blu intenso, genera pezzi tanto rigorosi quanto flessuosi e intriganti.

Chains, la nuova collezione Peruffo Jewelry valorizza e rende elemento decorativo quello che in gioielleria può essere considerato un pezzo base: la catena a palline diamantata. La creative director Marta Martino si appropria di questa componente elementare elevandola allo status di alta gioielleria creando pezzi in cui è assoluta protagonista, dove nasconde e svela forme come anelli, orecchini, bracciali in un continuo gioco di elementi fissi e mobili.

La collezione SLIDE mostra una comprensione architettonica e scultorea delle linee e dei movimenti che descrivono lo spazio. Spirali rigide e compatte si muovono intorno a un vortice centrale e creano linee ondulate. Queste linee si trasformano in margini dorati che catturano la luce, formando armoniose e mutevoli sculture 3D di luce e buio ed esplorando la relazione tra l’oggetto e la sua ombra nello spazio immateriale.

INK

La struttura si fa volume nella collezione I N K di Peruffo.
Una collezione che pone l’accento sull’aspetto concettuale e astratto dell’atto creativo. Il rapporto tra vuoto e pieno viene ribaltato: sottilissimi fili di metallo ricostruiscono virtualmente i tagli delle pietre in un processo di sottrazione. Eliminate le superfici rimangono solo le linee di perimetro, l’essenza diventa senso. Un filo liquido di inchiostro, oro giallo e nero per un trompe-l’oeil raffinato ed essenziale.

La gioielleria contemporanea si evolve in una collezione in cui il legame con architettura, design e arte è evidente, forte e profondo: linee morbide in contrapposizione a solide geometrie, organico e inorganico. Metallo sulla carne, gioielli in grado di creare e disegnare legami con il corpo: come piercing, ganci e dardi, trafiggono la pelle nuda.